Skip to content

SpeakOut CasaIntDonne -O.W.

Il 20 gennaio 2018 alla casa internazionale delle donne è stato organizzato un evento da  Spazio Incontro dal titolo “sex work is work. Riflessioni sul sexwork, tra stigma e autodeterminazione”.
Altri interventi qui.

Introduzione di Barbara Bonomi Romagnoli:
“Il prossimo intervento invece è stato, come dire,  affidato ad una compagna che molte di voi conoscono che generosamente si è resa disponibile ad interpretare  alcuni vissuti, alcuni pezzi di vita che le ombrette, così si chiamano tra loro le amiche di Ombre Rosse, non possono condividere con noi di persona proprio per il discorso che finora è stato toccato velocemente, che è la questione dello stigma, lo stigma che crea pesanti ripercussioni nelle loro vite non solo a loro stesse ma anche a tutte le persone coinvolte nelle loro esistenze, compagne e compagni, figlie e figli, madri e padri e quindi  esporre loro stesse oggi significa esporre anche le persone a cui sono legate. Ed è questo diciamo un motivo che le frena dal raccontare direttamente le loro storie; alcune hanno un doppio lavoro quindi esporsi in prima persona significa avere ripercussioni sul fronte professionale, e magari quel secondo lavoro è quel lavoro a cui sono arrivate pagandosi gli studi facendo le sexworkers, e questo chiaramente crea anche una situazione dolorosa, di frustrazione. Per cui ringraziamo maggiormente Silvia Gallerano che darà voce, corpo e presenza a queste righe.”


(Continued)

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone